Monday, December 08, 2008

VUKOVAR



Il 18 novembre scorso, dopo alcuni anni di assenza , sono tornato a Vukovar per l’anniversario della caduta della citta’ avvenuta nel 1991, dopo 3 mesi di feroce assedio da parte delle truppe dell’esercito serbo (JNA), delle formazioni paramilitari cetnike, delle “Tigri” di Arkan e delle “Aquile Bianche” di Milan Lukić.
Sembra tipicamente “balcanico” l’incontrarsi per rievocare il giorno della disfatta. Tuttavia la “presa” di Vukovar per chi ha combattuto contro gli invasori non è una sconfitta: i serbi di Milosević, per vincere la battaglia di Vukokar, hanno impiegato un enorme potenziale di uomini e mezzi, subendo delle perdite altissime. Numerose sono state anche le diserzioni nell’esercito serbo. Inoltre, la soverchiante potenza di Milosević impiegò ben tre mesi per aver ragione sui pochi e mal equipaggiati “difensori di Vukovar”.
Allora, la fine dell’assedio fu interpretata come l’inizio della speranza croata di una vittoria vera e completa sull’invasore serbo. Come di recente ha scritto un famoso giornalista del Vecernij List di Zagabria, Vukovar diventò la Pearl Harbor dei croati. Nel nome di questa città sacrificata si combattè in tutta la Croazia, e nella Bosnia e nell’Herzegovina.

Il 18 novembre 2008 abbiamo deposto una corona di fiori al cimitero memoriale, dove riposano coloro che morirono combattendo per difendere la città. Quindi abbiamo visitato l’ospedale*1, ripetutamente bombardato nell’ottobre-novembre del 1991, e il monumento di Ovcara, il luogo dove nella notte del 20 novembre di 17 anni fa furono portati, come bestie al macello, più di duecento prigionieri croati, adolescenti, giovani e anziani, per essere uccisi e sepolti in una fossa comune.

Il video che introduce il post è la terza parte (l’unica con sottotitoli in inglese) del primo episodio del documentario “Gli eroi di Vukovar”, dedicato ai difensori della città croata. Potrete vedere i serbi, regolari e paramilitari, festeggiare la fine della battaglia (e l’inizio delle torture, delle stragi e delle deportazioni).

Più sotto riporto una cronistoria della battaglia di Vukovar dal blogLibero di Antonio Ariberti. E' un pò "datata", ma abbastanza utile.

Concludo con le ultime parole di Siniša Glavašević a Radio Vukovar il 18 novembre del 1991. Due giorni dopo, il giornalista, insieme al suo tecnico del suono, concluse la sua esistenza in quella fossa comune, a Ovcara.
L'immagine di Vukovar alle 22 dell’ 87mo giorno dell’assedio rimarrà in eterno nella memoria dei testimoni di questo tempo. Dappertutto si sente un forte odore di incendio, di combustione. Camminiamo sui corpi straziati e sulle macerie. Dappertutto c’è vetro, detriti e raccapricciante silenzio. ... Ci auguriamo che i tormenti di Vukovar siano finiti.
Da "Cronistoria della Guerra" (Vukovar)

A Borovo Selo,"il paese dei pini", nelle immediate vicinanze di Vukovar, vennero uccisi in un'imboscata prima due e poi dodici poliziotti croati. Erano i primi giorni del mese di maggio 1991.
Ha inizio così l'attacco alla regione della Slavonia e alla città di Vukovar.
I villaggi vengono assediati, occupati e la popolazione non serba viene deportata. Baranja cade nell'agosto del 1991 così come gli altri villaggi del distretto di Vukovar.
La stessa città di Vukovar è bombardata con l'artiglieria pesante e incursioni aeree. Secondo gli esperti, l'Armata avrebbe impegnato circa 20.000 uomini, 300 carri armati, razzi e mortai. Sono facile bersaglio l'ospedale, il palazzo dei sindacati, la Chiesa Cattolica e l'acquedotto, tra i simboli di questa città.
Durante l'assedio, tra il settembre e il novembre del 1991 circa 1.800 persone, centinaia di poliziotti e un migliaio di volontari con un modesto bagaglio militare, presero parte alla difesa, della città della Slavonia orientale. Il 60% circa di essi erano cittadini di Vukovar, il restante volontari confluiti da altre parti della Croazia e dalla Bosnia Erzegovina. Da un punto di vista militare la battaglia "per Vukovar" si decide quando arrivano gli irregolari, come gli uomini di Zeliko Raznatovic "Arkan", comandante della Guardia volontaria serba con un seguito di varia umanità attirata dall'illegalità e dalle "voci" sulla possibilità di arricchirsi con il saccheggio: saranno loro a far e il "lavoro sporco", a stanare miliziani e abitanti dal labirinto delle cantine
L'Armata popolare jugoslava (Jna) entra nella città, dopo un assedio di tre mesi il 18 novembre 1991.
Quando Vukovar venne occupata, militari dell'esercito serbo sotto la guida di tre ufficiali, Miroslav Radic, Milan Mrksic e Veselin Sljivancanin, perpetuarono crimini contro le norme e i trattati internazionale. Torturarono e commisero atrocità contro la popolazione civile, prigionieri di guerra e feriti.
Centinaia di feriti e civili vennero presi dall'ospedale e uccisi dalle forze paramilitari serbe. per questo eccidio è incriminato dla Tribunale per i crimini nella ex Yugoslavia ICTY l'allora Sindaco della città di Vukovar Slavko Dokmanovic.
Alcune fosse comuni furono scoperte alcuni mesi più tardi da giornalisti stranieri presso Ovcara (vedi articoli e documenti) dove le esecuzioni ebbero luogo.
Oltre 5.000 persone furono deportate in campi di prigionia in Serbia. Molti non fecero mai più ritorno (sono 350 i cittadini di Vukovar scomparsi nel novembre del '91 e di cui nel 2008 non si ha ancora alcuna traccia- ndF) .
Novembre 1995: venne istituito con gli accordi di Dayton l'United Nations Transitional Administration for Eastern Slavonia, Baranja and Western Sirmium UNTAES con mandato fino al 15 Gennaio 1998.
Con la risoluzione 1145 (1997) del 19 Dicembre 1997, il Consiglio di Sicurezza decide di costituire un gruppo di osservatori con il compito di monitorare il comportamento della polizia croata nella regione del Danubio in particolare per il rispetto del ritorno delle persone, per un periodo di 9 mesi.
Il 15 gennaio 1998 Vukovar, dopo un periodo di transizione sotto l'egida dell'ONU (UNTAES), torna sotto la giurisdizione di Zagabria. Come appariva due mesi dopo la città è documentato con fotografie*2 in queste pagine.
della più grande fossa comune trovata in Croazia.
In un'altra fossa comune aperta sempre a Vukovar due anni fa furono trovati i corpi di 200 croati, soldati e civili uccisi dopo l'occupazione serba della città nell'autunno del 1991.

*1-Nel video di Youtube appaiono alcuni cadaveri seminudi: erano i soldati ed i civili feriti durante le precedenti azioni di difesa e ricoverati in quell'ospedale. I serbi, conquistata la città, li prelevarono dai loro letti e li "giustiziarono". Questa è la differenza tra oriente e occidente (cft mio post : "La differenza")
*2- Purtroppo a tutt'oggi la città presenta molti edifici danneggiati e mai riparati. Questa è una vergogna tutta croata.

13 comments:

Django said...

ciao, ti lasciato un messaggio qui

http://rrresistenza.blogspot.com/2008/05/la-solita-pulizia-etnica-della.html

Fosca said...

Ciao Django, come avrai certamente notato, non ho avuto molto tempo per aggiornare il blog, anche perchè sono fuori dall'Italia da almeno un paio di mesi (e più). Per Natale sarò nuovamente nel Bel Paese e nei limiti del possibile soddisferò la tua richiesta.

Django said...

grazie, e buon ritorno

Anonymous said...

Solo un inciso più che "giustiziati" direi assassinati.
Ciao
LiberaliperIsraele

Fosca said...

Colpevoli di aver contrastato con le armi il "legittimo" esercito jugoslavo, furono "giustiziati".

Luka said...

Cia sono Luca di Padova. Il 14 giugno delo scorso anno (2008)sono stato, con la mia ragazza che e' di Zagreb, a Vukovar!.... Ho avuto gli incubi per 3 notti!
Ma giuro che ci torno.
A presto

Anonymous said...

Altri due anni sono passati. Ma noi non dimentichiamo i fratelli caduti.
Mia moglie è di Ilok, vicino Vukovar. Ogni tanto torniamo a trovare i parenti. Le ferite non sono ancora rimarginate.

NAVIK ON ZIVI KI ZGINE POSTENO!

Mirno spavajte braćo moja, neka vam je vazda laka hrvatska gruda za koju ste život dali

p.s. Son capitato per caso, spero non vi dispiaccia se ho aggiunto il mio commento.

dom said...

Ho seguito con attenzione e dolore le vicende balcaniche negli anni '90, e ti ringrazio per l'accurata documentazione, le foto, le parole. Anche se fa star male, la memoria è un dovere che sento verso la verità e la giustizia storica. Permettimi solo un appunto: non mi trovi d'accordo quando concludi dicendo che la crudeltà e il sadismo sono la caratteristica dell'Oriente, e lo contrapponi al (tollerante? Mite? Civile?) Occidente. Io ho visto torturare prigionieri inermi e uccidere a sangue freddo ridendo, in Iraq, Afghanistan, Vietnam, America Latina. Erano forse orde turche e serbe? No amico, erano occidentali. La guerra è una cosa troppo seria e tragica per piegarla ai nostri piccoli interessi di campanile. La differenza, secondo me, non è tra Oriente e Occidente, ma tra chi ha il coraggio della pace e del rispetto e chi cede alle lusinghe della violenza e della guerra. Una volta scatenata, una guerra è una guerra, senza nessuna possibile declinazione.

Anonymous said...

grazie di questa storia...per quelli che non la conoscono

mario said...

Respect from Albania!

Anonymous said...

Un ricordo,un pensiero che torna a quei giorni terribili.Per 1 mese sono stato quello che non potrò mai più essere.La forza dei miei allora 22 anni e degli ideali di libertà al ritorno in Italia sono stati sconfitti dalla monotona e devastante "normalità".
Ancora oggi mi sveglio tremante nel cuore dela notte credendo di essere catturato dalle milizie serbe.Alle volte penso sarebbe stato meglio rimanere sino alla fine.Mi distrugge non poterne parlare neanche con mi dorme a fianco.
M.

Anonymous said...

perchè non puoi parlarne con chi ti è vicino?
vVerso la metà di novembre prova a fare un viaggio a Vukovar. Forse ti sarà d'aiuto.

Anonymous said...

Non puoi parlarne perchè non capirebbe come la maggiorparte della gente non capirebbe.Io non sono andato come mercenario...ma vallo a spiegare.Sono andato a combattere...ma vai a spiegare il senso dell'uccidere un nemico che opprime un popolo quando chi ti circonda e satollo con la pancia piena mentre scorrono le immagini del grande fratello o quant'altro.Vukovar....valla a spiegare...come fai a spiegare Vukovar...
M.