Thursday, July 19, 2007

D'Alema e Hamas "Il partito democraticamente eletto"

Liberali per Israele pubblica un articolo di Stefano Magni, D’Alema contro Al Fatah che ci ricorda da chi sia rappresentato il “partito democraticamente eletto” nella Striscia di Gaza. Hamas, che sappiamo godere dei favori e delle simpatie del “nostro” ministro D’Alema, è una formazione terroristica. Giunta al potere grazie certamente alla corruzione di Fatah (terroristi in doppiopetto), ma soprattutto per mezzo di una “politica” di violenza ed orrore.

Il giornalista de "L'Opinione" riporta nel suo articolo anche le parole scritte nell’aprile scorso da Kan’an Ubayd sul giornale di Hamas, Al-Risalah, :

“Abbiamo sentito più di una volta condanne o denunce contro le operazioni di resistenza armata e le bombe di Hamas e delle altre branche della resistenza palestinese.
Tutti devono sapere che noi commettiamo questi atti perché è il nostro Signore a comandarli, non li commettiamo secondo la nostra volontà. E il popolo deve sapere che lo sterminio degli Ebrei è un bene per gli abitanti del mondo”

Insomma, Dio è con chi vuole la fine degli ebrei. Dio stesso la chiede.
Un discreto osservatore noterà in questo passo alcune affinità con le parole di Hitler, nel Mein Kampf:
“ E così io credo come sempre che il mio comportamento è in accordo con il volere dell’Onnipotente Creatore. Fin quando mi reggerò in piedi, sarò contro il Giudeo, difendendo l’opera del Signore” (non si riferiva solamente a Marx).

In Italia che sappiamo di Hamas? Che è una formazione terrorista, sanguinaria, s’ispira a Hitler, è diretta espressione del gruppo dei “Fratelli musulmani” è divisa in due sezioni (una dedita agli attacchi terroristici contro gli ebrei, l’altra alla soppressione dei palestinesi moderati e collaborazionisti), vuole l’introduzione della legge coranica in Palestina e persegue la distruzione di Israele.

Inoltre, ammaestrando all’odio i bimbi fin dalla tenera età, intende rendere infinita la guerra contro l’Occidente.

Riflettendo, la mia opinione riguardo al comportamento che sarebbe bene adottare nei confronti di queste zecche islamiche, non differisce sostanzialmente da ciò che loro reputano giusto (ispirato da Dio) nei confronti d’Israele.

Ma è un’opinione personale.

Tuttavia, parrebbe logico che in Italia i media ed il mondo politico facessero sentire il loro forte biasimo per un ministro della Repubblica anti- israeliano, che simpatizza vergognosamente con una formazione politica che rincorre l’ideale dello sterminio di un popolo.

Eppure, anche dopo l’ultima imbarazzante dichiarazione del “nostro”, pare che nessuno, nemmeno dall’opposizione, abbia chiesto al Ministro di dimettersi.

In sostanza, mi sembra che il feeling del capo della Farnesina per i terroristi palestinesi non abbia scombussolato più di tanto il luglio italiano.

Come dicemmo tempo fa, in Italia fa più scandalo un Sircana in cerca di trans che un D’Alema al braccetto di terroristi.

Di seguito riporto il post di Jihad Watch del 4 maggio scorso, che approfondisce l'articolo di Kan’an Ubayd su Al-Risalah.

Hamas: “The extermination of the Jews is good for the inhabitants of the worlds.”

More genocide talk from jihadists, while the world continues to yawn. By Itamar Marcus and Barbara Crook for PMW:

The extermination of Jews is Allah’s will and is for the benefit of all humanity, according to an article in the Hamas paper, Al-Risalah. The author of the article, Kan'an Ubayd, explains that the suicide operations carried out by Hamas are being committed solely to fulfill Allah’s wishes. Furthermore, Allah demanded this action, because “the extermination of the Jews is good for the inhabitants of the worlds.”

The killing of innocent Jews by terrorist attacks is portrayed as Allah’s plan for the benefit of humanity.

It should be noted that Hamas’s justification for the extermination of Jews, both as God's will and for the benefit of humanity, echoes Hitler's words in Mein Kampf:

“In this case the only salvation remaining was war… If the Jew with the help of his Marxist creed is victorious over the peoples of this world, then his crown will be the funeral wreath of humanity… Thus I believe today that I am acting according to the will of the almighty Creator: when I defend myself against the Jew, I am fighting for the work of the Lord.” (Mein Kampf)

In another parallel to the Nazi genocide of Jews, the writer says he wants to be sure that “everyone will know” that these murderous actions are “not of [Hamas’s] own accord” – an echo of the Nazi war criminals’ repeated justification of their actions with the defense that they were only following orders.

The fact that these orders are said to be divine in nature makes Hamas’s justification for the murder of Jews even more ominous.

Following is the excerpt from the Hamas article:

"We find more than once condemnation and denunciation to the resistance operations and bombings [suicide attacks], carried out by Hamas and the Palestinian resistance branches. There is no other choice but to use restraint regarding the condemnation, the attaching of the label of terror [to "resistance"], and the assembling of conferences [for] condemnation [of the attacks]. [This] so that everyone will know, that we did this only because our lord commanded so, “I did it not of my own accord” [*] and so that people will know that the extermination of Jews is good for the inhabitants of the worlds on a land, to which Allah gave his blessing for the sake of the inhabitants of the worlds.” [Al-Risalah, April 23, 2007]

[*] Translation of Quranic verse taken from USC Compendium of Muslim Texts.

Posted by Robert at May 4, 2007 2:52 PM

6 comments:

Elly said...

una sola parola: napalm.

Fosca said...

Beata te che hai il dono della sintesi.

Anonymous said...

Stefano Magni è davvero bravo, anche se preferirei non avesse bisogno di scrivere questi articoli.
liberaliperIsraele

Esperimento said...

Infatti, quel che è più irritante è il silenzio di tutti gli altri (a parte qualche protestina verbale di pochi politici di destra)

roberto said...

E' lo stesso che voleva trattare coi talebani... e ora considera "democratica" quella che l'UE considera un'organizzazione terroristica?!?

Ti propongo questo montaggio su D'Alema
http://casadelleliberta.blog.kataweb.it/andiamo_avanti/2007/07/dalema-e-hamas.html

ciao

Fosca said...

Massì Roberto, è proprio quel genio che si è pure tanto impegnato per la liberazione di 5 terroristi da barattare con un giornalista e due morti ammazzati.
Ad onor del vero, se quattro di quelle zecche fossero rimaste nelle prigioni afghane, probabilmente sarebbero ancora vive.
Insomma: non tutto il D'Alema vien per nuocere.